Quattro uomini della Provenza di oggi

Noti comunemente per la passione per le bocce e il pastis, la popolazione maschile provenzale non si limita solamente a questi simpatici cliché. Un viticoltore, uno stilista, uno chef, uno scultore: quattro personaggi unici, che testimoniano quante sfaccettature possano contraddistinguere questi figli del sud.
Da Mélissa Darré

Ludovic Turac, il prodigio della gastronomia marsigliese

Nel suo ristorante "Une Table au Sud", affacciato sul Vecchio Porto della città focese, Ludovic Turac propone una cucina creativa che celebra i colori della regione. Di recente insignito di una stella Michelin, questo marsigliese d.o.c., cresciuto nelle cucine di strutture prestigiose come quelle del Bristol o dell’Hôtel du Castellet, coniuga il gusto per l'autenticità a un grande spirito creativo, dando vita a ricette da veri intenditori. Tanta bravura ha reso questo giovane chef di soli 26 anni uno degli astri nascenti del settore.

www.unetableausud.com

Simon Porte, il fenomeno della moda

Stilista autodidatta nato a Salon-de-Provence, Simon Porte è riuscito a conquistarsi, con creazioni sorprendenti e originali, un proprio spazio nel mondo della moda fin dal 2009. Battezzata "Jacquemus", in onore della madre scomparsa, la sua firma risente delle influenze degli anni novanta e seduce evocando le radici e i ricordi del suo ideatore. Il suo mondo lontano e al tempo stesso positivo, è ricco di capi concettuali caratterizzati da linee grafiche e colori acidi, che si impone in maniera decisa come un omaggio alla dolcezza provenzale.

www.jacquemus.com

Mathias de Malet, lo scultore dei legni della gariga

Nel suo laboratorio di Lourmarin, nella zona di Vaucluse, Matthias de Malet lavora con cura e delicatezza i legni verdi del bacino mediterraneo. Ginepro rosso, terebinto, corbezzolo e bagolaro assumono forme del tutto nuove fra le mani esperte di questo artigiano fuori dagli schemi, creatore di opere spiccatamente personali. Modellate in base ai desideri e alle ispirazioni di questo cultore delle essenze tipiche della gariga e frutto di un'abilità unica acquisita collaborando con altri professionisti della regione, queste opere racchiudono tanta forza quanta poesia.

www.demalet.fr

Julien Bréchet, ovvero l'istinto del viticoltore

Appartenente alla 5° generazione consecutiva di viticoltori dello storico domaine des Bosquets, Julien Bréchet è uno di quegli appassionati a cui scorre il vino nelle vene. Dopo essersi fatto le ossa a fianco di Éric de Saint-Victor, questo viticoltore per natura è rientrato in famiglia in cerca di un sogno da realizzare, all'insegna di un'unica parola d'ordine: la condivisione. Oggi produttore del suo 8° millesimato, il nipote del grande creatore di nettari Gabriel Meffre lascia raramente le sue terre natali: quando lo fa è solo per tornarvi al meglio, per diffondere l'identità e la storia che hanno dato vita ai suoi grandi vini.

www.famillebrechet.fr

Ludovic Turac, il prodigio della gastronomia marsigliese
Ludovic Turac, il prodigio della gastronomia marsigliese
Nel suo ristorante "Une Table au Sud", Ludovic Turac propone una cucina creativa che celebra i colori della regione
© Ludovic Combe
Simon Porte, il fenomeno della moda
Simon Porte, il fenomeno della moda
Stilista autodidatta nato a Salon-de-Provence, Simon Porte è riuscito a conquistarsi, un proprio spazio nel mondo della moda fin dal 2009
© Schnati Weiss
Mathias de Malet, lo scultore dei legni della gariga
Mathias de Malet, lo scultore dei legni della gariga
Nel suo laboratorio di Lourmarin, Matthias de Malet lavora con cura e delicatezza i legni verdi del bacino mediterraneo
© Matthias de Malet
Julien Bréchet, ovvero l'istinto del viticoltore
Julien Bréchet, ovvero l'istinto del viticoltore
Appartenente alla 5° generazione di viticoltori dello domaine des Bosquets, Julien Bréchet è uno di quegli appassionati a cui scorre il vino nelle vene
© Julien Bréchet

Articoli più recenti

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

Al ritorno dalle vacanze, sognate di conservare tutti i benefici dell'estate compresa la splendida tintarella che avete ottenuto crogiolandovi al sole? L’Occitane vi svela la routine di bellezza da adottare per conservare la tintarella al rientro.
I consigli per un sonno ristoratore

I consigli per un sonno ristoratore

Per un buon equilibrio, è necessario dormire bene; il sonno svolge un ruolo cruciale sul benessere sia fisico che mentale. Ma in piena estate, tra cambiamenti di ritmo e temperature elevate, addormentarsi non è sempre facile. Scoprite tutti i consigli di L’Occitane per cadere in un attimo tra le braccia di Morfeo.
3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

Crogiolarsi sulla sabbia fine è uno dei piaceri dell'estate. Per approfittare dei benefici della spiaggia nel tempo, L'Occitane vi svela gli errori da non fare dopo una giornata in riva al mare. Seguite la guida!