L'oro blu della Provenza

La pianta che simboleggia la Provenza possiede un rapporto intimo con la regione. Visivamente onnipresente durante la loro fioritura da giugno a settembre, le piccole spighe blu possiedono una forte carica emotiva.
Di Caroline Taret

Tutti noi abbiamo dei ricordi legati alla lavanda. Vera e propria madeleine, evoca immediatamente dei ricordi confortanti, spesso legati all'infanzia. La lavanda cresce spontaneamente in Provenza da quasi 2000 anni e dall'inizio del ventesimo secolo contribuisce all'economia locale. Apprezzata per le sue virtù medicinali, la lavanda viene coltivata in modo organizzato e concreto per la sua essenza nel corso del XX secolo, in particolare su richiesta dei profumieri di Grasse. Le montagne asciutte e soleggiate della Provenza costituiscono il terreno ideale per la coltivazione della lavanda.

La lavanda rappresenta anche un campionario di colori, una moltitudine di corridoi colorati che graffiano le montagne. Spesso la lavanda cresce accanto al lavandino, varietà ibrida naturale nata dall'incrocio tra lavanda e spigo: quest'ultimo cresce con estrema regolarità e crea i paesaggi blu ondulati che adornano le montagne. La lavanda, da parte sua, offre una silhouette meno regolare ma dai colori ben più variegati. La lavanda, tuttavia, non sarebbe niente senza il suo profumo, considerato come uno dei più intensi.


Profumi e sapori del sud

Sotto forma di crema idratante, purificante o di olio essenziale, la lavanda rilassa e dona immediato conforto. Placa i sensi quando usata nella cosmetica e nel settore bellezza, li risveglia quando troviamo la punta delle sue spighe nei nostri piatti... La cucina contemporanea non può ignorare il potere della lavanda: principalmente utilizzata nei dessert come aroma, la lavanda s'introduce tra le erbe provenzali e va ad unirsi al rosmarino e al timo per insaporire le carni bianche. Seduce gli chef affascinati dalle piante come Marc Veyrat o Alain Passard, i quali non esitano ad utilizzarla nella loro cucina naturale.

L'oro blu della Provenza
L'oro blu della Provenza
Una certosa della Provenza
Foto di José Nicolas

Articoli più recenti

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

Al ritorno dalle vacanze, sognate di conservare tutti i benefici dell'estate compresa la splendida tintarella che avete ottenuto crogiolandovi al sole? L’Occitane vi svela la routine di bellezza da adottare per conservare la tintarella al rientro.
I consigli per un sonno ristoratore

I consigli per un sonno ristoratore

Per un buon equilibrio, è necessario dormire bene; il sonno svolge un ruolo cruciale sul benessere sia fisico che mentale. Ma in piena estate, tra cambiamenti di ritmo e temperature elevate, addormentarsi non è sempre facile. Scoprite tutti i consigli di L’Occitane per cadere in un attimo tra le braccia di Morfeo.
3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

Crogiolarsi sulla sabbia fine è uno dei piaceri dell'estate. Per approfittare dei benefici della spiaggia nel tempo, L'Occitane vi svela gli errori da non fare dopo una giornata in riva al mare. Seguite la guida!