La raccolta delle rose in Provenza

A Roumoules, sull'altopiano di Valensole, Emmanuelle Ravel coltiva le rose. Ma non delle rose qualsiasi! Coltiva la rosa centifolia, molto nota tra i profumieri. Con la collaborazione dei suoi aiutanti raccoglitori, durante il mese di giugno si dedica alla raccolta di questo fiore dal profumo meraviglioso. Noi li abbiamo accompagnati.
Di Caroline Taret

Emmanuelle Ravel ci dà appuntamento verso le otto del mattino nei suoi campi a Roumoules. Nei pressi della sua coltivazione, sin dai primi raggi del sole notiamo una fila di persone posizionate davanti ai viali di rose di cui si compongono i campi. Si tratta dei raccoglitori che si apprestano a dare inizio alla loro danza: per più di un'ora si muoveranno in fila avanti e indietro lungo il roseto per staccare delicatamente i fiori già sbocciati e riporli nelle loro sacche. Il gesto è preciso, così da non rovinare le rose. In questi campi si trovano tutte le generazioni, le quali mantengono viva l'antica tradizione della raccolta a mano in Provenza, dai campi di gelsomino a quelli di rose. Una raccolta che viene effettuata col sorriso sulle labbra e tra i delicati effluvi della "centfolia", come sono soliti chiamarla... Emmanuelle insiste sull'importanza di raccogliere questa rosa sin dal sorgere del sole, al fine di preservarne la freschezza: queste migliaia di petali, infatti, saranno poi riposte in una stanza fredda e quindi pesate per essere trasportate al Crieppam, più o meno a un'ora di distanza. Là sarà effettuato il processo di distillazione, il quale viene realizzato entro un giorno dalla raccolta, sempre al fine di preservare la freschezza dei petali. Questi diventeranno acqua di rosa o profumi solidi alla rosa e saranno utilizzati per creare dei preziosi profumi o cosmetici. Diverse competenze si coniugano per preservare questo profumo di rosa provenzale. Un patrimonio da scoprire nel nostro video!

Articoli più recenti

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

5 segreti per prolungare l'abbronzatura

Al ritorno dalle vacanze, sognate di conservare tutti i benefici dell'estate compresa la splendida tintarella che avete ottenuto crogiolandovi al sole? L’Occitane vi svela la routine di bellezza da adottare per conservare la tintarella al rientro.
I consigli per un sonno ristoratore

I consigli per un sonno ristoratore

Per un buon equilibrio, è necessario dormire bene; il sonno svolge un ruolo cruciale sul benessere sia fisico che mentale. Ma in piena estate, tra cambiamenti di ritmo e temperature elevate, addormentarsi non è sempre facile. Scoprite tutti i consigli di L’Occitane per cadere in un attimo tra le braccia di Morfeo.
3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

3 errori da non fare al ritorno dalla spiaggia

Crogiolarsi sulla sabbia fine è uno dei piaceri dell'estate. Per approfittare dei benefici della spiaggia nel tempo, L'Occitane vi svela gli errori da non fare dopo una giornata in riva al mare. Seguite la guida!